Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

CELLULE STAMINALI E COSMETICI: MITO O REALTÀ?

 

RDC

Negli ultimi anni si sente spesso parlare di cosmetici a base di cellule staminali, definiti prodotti come quasi miracolosi, che assicurano risultati eccezionali.   Ma è davvero così o si tratta solo di trovate pubblicitarie? Procediamo con ordine.

Cosa sono le cellule staminali e perché vengono utilizzate?

Quando un organismo inizia a formarsi, le cellule devono essere in grado di produrre tutte le strutture ed i tessuti necessari. Per questo le cellule primitive (meglio note come cellule staminali), da cui avranno origine tutte le altre, sono dotate della capacità di moltiplicarsi velocemente e dare origine o a copie di se stesse (autoriproduzione) oppure a cellule specializzate di vari organi o tessuti, come ad esempio muscolari, epatiche, renali o del sangue. Queste, grazie al processo sopra descritto denominato “differenziamento cellulare”, sono dunque in grado di sostituire le “vecchie” (morte o non più funzionali), riparando tessuti o strutture malati o danneggiati.

Inizialmente queste cellule sono “totipotenti”, ovvero in grado di dare origine a qualsiasi tipo di struttura e tessuto, come ad esempio le cellule embrionali; tuttavia mano a mano che il processo di differenziazione procede, pur mantenendo la loro capacità di accrescimento e differenziazione, perdono una parte del loro potere e diventano “unipotenti”, dando origine solo a quella linea cellulare.

Leggi tutto...

COSA SONO I PRODOTTI BORDERLINE? NON TUTTI SONO COSMETICI…

Con il continuo evolversi del settore cosmetico, sono sempre più numerosi i prodotti disponibili sul mercato. In funzione delle informazioni riportate (etichetta, foglietto illustrativo, leaflet, etc.) a volte è complicato orientarsi su quale è la tipologia di prodotto, suddivisa in numerose categorie merceologiche che fanno riferimento a diverse legislazioni.

Per il consumatore quindi di frequente non è facile capire se un prodotto sia un cosmetico o no: potrebbe essere un dispositivo medico (medical devices), un giocattolo, un farmaco, un biocida. Laddove l’etichettatura è chiara il quesito è di facile risposta, mentre nel caso in cui le indicazioni secondo normativa di riferimento non sono appropriate, l’individuazione è più complicata.

La difficoltà è amplificata soprattutto nel caso di prodotti che rappresentano “casi limite” (noti come “borderline”), ovvero che per loro natura non appartengono con chiarezza ad un determinato settore e per i quali è di conseguenza difficile stabilire quale sia la normativa di riferimento da applicare.

Leggi tutto...

Cosa ti metti oggi? I tessuti e loro interazioni con pelle e salute

Quando acquistiamo un indumento o apriamo l’armadio e decidiamo come vestirci facciamo scelte e gesti che hanno delle conseguenze sulla nostra salute e sull’ambiente. Difficilmente si è consapevoli di cosa ruota intorno al mercato del tessile, ma la questione non è di poco conto, viste le ultime ricerche sul tema.

L’associazione “Tessile e Salute”, nata nel 2001, come si legge sul sito ufficiale (www.tessileesalute.it) “è a fianco dei consumatori, dei produttori, degli enti e delle organizzazioni che hanno a cuore la sicurezza del prodotto tessile e calzaturiero e la tutela del Made in Italy. Opera in sinergia con il Ministero della Salute, i NAS, le ASL e le Procure della Repubblica per prevenire e combattere la diffusione sul mercato di prodotti nocivi per la salute degli utilizzatori. È in via di definizione la sua trasformazione in “Osservatorio Nazionale Tessile – Abbigliamento – Pelle – Calzature”.

Proprio per supportarne gli obiettivi strettamente legati alla struttura della pelle, dei suoi annessi e all’ambito cosmetico (basto pensare all’avvento sempre più importante del “cosmetotessile”), AIDECO ha deciso di collaborare con questo gruppo specializzato, con sede a Biella, storica città manifatturiera del tessile e della lana sin dal XIII secolo.

“Tessile e Salute” tra il 2011 ed il 2012 si è occupata di effettuare indagini a livello nazionale su articoli tessili acquistati in punti vendita o prelevati dai NAS e dalle Asl, nel corso di azioni ispettive o a seguito a segnalazione di varie problematiche inerenti la salute.I risultati delle indagini sono stati piuttosto significativi, per non dire sconcertanti…

Dai rilevamenti condotti a livello nazionale emerge che riguardo alla composizione fibrosa dei capi:

  • Il 15% risulta sprovvisto di etichetta di composizione
  • Il 34% dei capi etichettati riporta una composizione sbagliata

Leggi tutto...

COME TRATTARE LA PELLE DOPO L’ESTATE

La stagione estiva è terminata portando con sé le spensierate giornate in spiaggia e le tranquille e rilassanti passeggiate in montagna. È quindi giunto il momento di riprendere la propria routine quotidiana e combattere il cosiddetto “stress da rientro”. Sintomi quali insonnia, nervosismo e stanchezza talvolta eccessiva, possono molto facilmente determinare ripercussioni anche sulla nostra pelle. Sono ovviamente complici di questa difficile situazione cutanea i fattori tipici dell’estate, quali le prolungate e non corrette esposizioni solari, bagni frequenti in mare e/o in piscina, salsedine, minore attenzione alla normale igiene cosmetologica.

Di conseguenza in molti (uomini e donne) si trovano a dover fare i conti con una pelle più secca del normale (intesa come disidratata), desquamante oppure ispessita, con colorito spento e poco omogeneo.

Cosa fare? Per preparare la pelle all’arrivo della stagione invernale le parole chiave sono: detersione, esfoliazione ed idratazione.

La detersione della pelle, seppur trascurata, è invece uno step fondamentale da compiere: ogni giorno mattina e sera, per rimuovere dall’epidermide lo sporco esogeno e l’eccesso di materiale organico (come il sebo e le cellule in ricambio), rispettando al contempo il film idrolipidico di protezione.

Prima di tutto infatti è importante che i prodotti siano progettati e formulati per essere ben tollerati e sicuri nell’uso, in particolare per i detergenti viso. Poi devono essere scelti in base a cosa e come si vuole ottenere (maggior azione pulente, più delicatezza, mantenimento dei parametri fisiologici, etc.) e questo dipende soprattutto dalla tipologia di pelle individuale, oltre che dalle particolari condizioni in cui la cute si trova. Anche per le aree corporee (in modo particolare ascelle, regioni intime) una detersione scorretta può alterare i parametri fisiologici della pelle, favorendo l’insorgenza di fenomeni quali secchezza, irritazioni o altre manifestazioni indesiderate.

Fondamentalmente esistono due differenti tipi di detersione: mediante tensioattivi o per affinità:

  • La prima prevede l’utilizzo di prodotti che contengono tensioattivi, molecole che si legano, in modo diverso in base alla loro natura chimico fisica, allo sporco adeso sul film idrolipidico cutaneo favorendone la rimozione.
  • La seconda si avvale invece di prodotti lipofili (come un olio o un latte detergente), in grado per loro stessa natura di rimuovere lo sporco cutaneo, in modo più eudermico.

 

Leggi tutto...

LA SICUREZZA DEI TATUAGGI E DEL TRUCCO PERMANENTE

 

tatuaggi

Viviamo nell’epoca dei tatuaggi. Considerati da molti un abbellimento estetico, da altri una forma di body art, la loro estrema diffusione rende utile qualche considerazione.

Come noto, il tatuaggio consiste in micro-iniezioni sottocutanee di inchiostro colorato, effettuate in modo da rendere il disegno tatuato indelebile e permanente, con ciò determinando una esposizione a lungo termine alle sostanze chimiche iniettate, inclusi i loro residui di degradazione.

Il trucco permanente (Permanent Make-Up, PMU) consiste in piccoli tatuaggi semi-permanenti utilizzati per ritoccare e/o correggere parti del viso o del corpo come le sopracciglia, il contorno labbra, e così via.

Uno studio pubblicato nel 2016 dal JRC (Joint Research Centre) EU Science Hub (https://ec.europa.eu/jrc), promosso dalla Direzione Generale per la Giustizia ed i Consumatori (DG JUST) - Commissione in seno all’UE responsabile per le politiche della giustizia, della difesa dei consumatori e dell’uguaglianza di genere -, ha affrontato la questione della sicurezza dei prodotti e delle pratiche del tatuaggio/PMU, al fine di contribuire alla protezione della salute dei consumatori. È stato preparato a nome della stessa Direzione, ma si rivolge anche agli altri soggetti coinvolti che si occupano della salute, del mercato interno e dell'ambiente, nonché all'Agenzia Europea per le Sostanze Chimiche (ECHA - European Chemicals Agency).

Le conclusioni di questo progetto mirano a fornire alla Commissione Europea le evidenze scientifiche necessarie per decidere se l'Unione europea (UE) debba prendere delle misure idonee a garantire la sicurezza degli inchiostri e dei processi del tatuaggio/PMU.

Leggi tutto...


LE LAMPADE ABBRONZANTI ED I RISCHI PER LA SALUTE

Quanto mettiamo a repentaglio la nostra salute per vederci abbronzati tutto l’anno?

lampade

La cosiddetta abbronzatura artificiale, ottenuta per mezzo delle lampade solari a raggi UV, a fini estetici e non terapeutici, cominciò ad essere di moda già a partire dagli anni Settanta del secolo scorso, con maggiore diffusione ed utilizzazione a partire dagli anni Novanta. In apparenza la moda dell’abbronzatura fuori stagione sembrerebbe resistere alla prova del tempo, visto che ancora oggi le lampade abbronzanti vengono molto utilizzate e visto che la produzione dei macchinari non ha cessato di aumentare e di progredire, sia dal punto di vista tecnologico e del design, che della resa in termini di risultati desiderati da chi ne fa uso.

Tuttavia le conseguenze a lungo termine di un uso anche saltuario dei lettini solari sono note già da qualche tempo, grazie agli studi scientifici ed alle statistiche più recenti, che hanno messo in luce le gravi patologie che a tale abitudine sono connesse.

Le lampade abbronzanti, come il sole, emettono sia radiazioniUVA che UVB. Mentre i raggi UVB sono, come è noto, direttamente responsabili delle scottature solari, entrambe le radiazioni(UVA e UVB) possono danneggiare la pelle in maniera più subdola e meno evidente nell’immediato. Per avere un’idea della potenza dei macchinari moderni, basti pensare che l’emissione media attuale di una lampada solare possiede un indice di radiazioni UV di 12, vale a dire pari al sole di mezzogiorno presso l’Equatore, dove il sole splende al suo massimo potenziale. Sebbene lo spettro UV dei diversi macchinari possaessere di varia intensità, c’è stato un aumento dell’irraggiamento UVA, nei dispositivi abbronzanti di ultima generazione.

Leggi tutto...

ARRIVA L’ESTATE, COME AIUTARSI A TORNARE IN FORMA

 

L’estate è alle porte e di conseguenza la cosiddetta “prova costume” è sempre più vicina.

Come noto per essere in forma sarebbe necessario prestare attenzione al proprio benessere ed al mantenimento del proprio fisico tutto l’anno. Ma questa sana abitudine spesso viene dimenticata, accantonata grazie alle coperture dei periodi più freddi e dei buoni propositi. Cosa fare all’ultimo momento? Sicuramente un’alimentazione più equilibrata e un approccio a qualche attività sportiva sono un ottimo ed essenziale punto di partenza per migliorare il proprio aspetto, ma in così poco tempo i risultati non sono mai quelli attesi…

È utile quindi ricorrere ai trattamenti di medicina estetica, specifici per la riduzione dei più temuti inestetismi corporei, come le adiposità localizzate o la Panniculopatia Edemato Fibro Scerotica (PEFS), nota con l’errato termine di “cellulite”. Anche se queste due manifestazioni del sottocutaneo sono spesso confuse, in realtà presentano numerose differenze:

Leggi tutto...

OCCHIO ALL’ETICHETTA!

Il cosmetico e la sua importanza nella nostra vita

Già da decenni il prodotto cosmetico non rappresenta più soltanto una banale miscela di sostanze dai nomi impronunciabili, ma è un preparato di qualità e frutto di profondo rigore tecnico-scientifico.

Da diversi anni, inoltre, il Regolamento cosmetico emanato dall’Unione Europea (1223/2009), a carattere normativo e coattivo per tutto il settore, riassume in sé quaranta anni di storia di ricerca, validazione, scientificità e riconoscendo finalmente il lungo lavoro svolto da tutti gli operatori di ambito disciplinare.

Comprendere un cosmetico non è più difficile o impossibile. Attraverso le indicazioni di legge e la comunicazione commerciale delle aziende produttrici, è di fatto più agevole conoscere e valutare non tanto e non solo la sua natura formulativa, ma soprattutto quella funzionale e di attività (qual è il suo scopo ed i suoi obiettivi quando applicato sulla cute) o, meglio ancora, la sua “identità” complessiva.

Il Regolamento cosmetico fornisce anzitutto la definizione del prodotto cosmetico come “una sostanza o una preparazione destinata ad essere messa a contatto con le diverse parti che compongono la superficie del nostro corpo - epidermide, sistema pilifero, unghie, labbra e organi genitali esterni – o con i denti e le mucose della cavità orale”, da cui ne deriva che il prodotto cosmetico non può e non deve avere finalità terapeutiche e non può vantare alcuna attività medica e/o farmacologica. Non sono cosmetici, ad es., tutti quei prodotti con sito di applicazione diverso da quelli citati nel Regolamento e non rientrano dunque in questa categoria i prodotti iniettati sottocute, come i filler e i tatuaggi, o tutti quei prodotti la cui applicazione avviene all’interno dell’organismo, come le lavande vaginali e gli spray nebulizzatori per il naso.

Leggi tutto...