Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

LE CHECKLIST PER LA PRESENTAZIONE DEI DOSSIER SUGLI INGREDIENTI COSMETICI PER LA VALUTAZIONE DEL CSSC (COMITATO PER LA SICUREZZA DEI CONSUMATORI)

Provvedimento adottato il 7 marzo 2017 - Aggiornato il 16 Maggio 2018

Al fine di garantire la sicurezza dei consumatori, alcune categorie di ingredienti ad uso cosmetico sono normate dal Regolamento Cosmetico Europeo 1223/2009. Sono inclusi gli ingredienti elencati negli Allegati dello stesso Regolamento (coloranti, conservanti, filtri UV), la lista dei 26 potenziali allergeni (v. SCCS/1559/11) e qualsiasi nanomateriale contenuto negli ingredienti usati in cosmetica. Una guida dettagliata alla sperimentazione ed alla valutazione della loro sicurezza è riportata nelle cosiddette Linee Guida emanate dallo stesso Comitato (9° Revisione, SCCS/1564/15).

Il Regolamento copre specificatamente l’uso dei nanomateriali nei prodotti cosmetici. A tal proposito, fornisce intanto una definizione di cosa è un nanomateriale, all’Articolo 2 (1) (k) e richiede che venga notificata alla Commissione Europea  la presenza di nanomateriali all’interno della formulazione di un prodotto cosmetico, sei mesi prima che il prodotto venga immesso sul mercato. Ove ci siano preoccupazioni circa la sicurezza di un nanomateriale, la Commissione riferirà al CSSC, richiedendo un Parere scientifico (Opinion). Il regolamento richiede inoltre che gli ingredienti in “nanoscala” vengano indicati in etichetta  (nome dell’ingrediente seguito dalla parola ‘nano’ posta fra parentesi). Ciò permette un meccanismo di notifica precedente alla commercializzazione, una valutazione del rischio, una autorizzazione ed infine una etichettatura di tutti i prodotti cosmetici che contengono tali sostanze. Lo stesso Comitato Scientifico del resto ha già pubblicato una Guida specifica sui principali elementi da considerare, quando si sottopone un dossier sulla sicurezza dei nanomateriali in ambito cosmetico (SCCS/1484/12) ed un memorandum sull’importanza, adeguatezza e qualità dei dati presentati in questi dossier (SCCS/1524/13).

Per una tempestiva valutazione dei dossier presentati a supporto della sicurezza degli ingredienti cosmetici utilizzati, è di massima importanza che essi siano il più possibile completi e che contengano tutti quei dati giudicati, appunto, adeguati, rilevanti e di qualità tale da renderli soddisfacenti per la valutazione del rischio. In tale contesto questo documento fornisce gli elenchi di controllo (Checklists) dei parametri ritenuti essenziali per una corretta valutazione da parte del CSSC degli ingredienti ad uso cosmetico, inclusi i nanomateriali. Lo scopo principale di questi elenchi è di mettere sia il richiedente che il Comitato nelle condizioni di valutare rapidamente la completezza dei dossier e di evitare che essi siano incompleti o che contengano dati inadeguati/irrilevanti. Tutto ciò dovrebbe snellire il processo di valutazione e far risparmiare tempo e risorse sia al richiedente che al Comitato Scientifico.

Per saperne di più:

https://ec.europa.eu/health/sites/health/files/scientific_committees/consumer_safety/docs/sccs_o_210.pdf