Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

SILICE IN NANOFORMA, SILICE IDRATATA E SILICI MODIFICATE IN SUPERFICIE

 La Commissione si rivolge al CSSC quando emergono rischi per la salute e sicurezza in generi di consumo non alimentare, tra cui cosmetici e altri ingredienti. L'uso dei nanomateriali nei prodotti cosmetici è disciplinato dall'UE e tutte le industrie cosmetiche sono tenute a informare la Commissione sei mesi prima di immetttere qualsiasi prodotto contenente nanomateriali sul mercato.

La Commissione può invitare il CSSC a fornire un parere scientifico su una valutazione del rischio quando ha ricevuto una notifica riguardante un particolare ingrediente che potrebbe avere effetti nocivi sulla salute e per il quale non è stata condotta un'adeguata valutazione del rischio. 

È quanto è avvenuto in questo caso: sono pervenute complessivamente 172 notifiche per prodotti contenenti uno o più dei quattro tipi di silice in nanoforma. 

Conformemente al proprio mandato il CSSC ha esaminato i dati forniti dalle imprese, nonché i corrispondenti studi scientifici pubblicati in lingua inglese da altri comitati. Al termine di questo esame approfondito, nel parere del marzo 2015, pubblicato online, il CSSC ha concluso che non vi sono prove secondo cui la silice in nanoforma penetri nella pelle o sia tossica, ma anche - aspetto altrettanto importante - che non sono state fornite prove sufficienti per escludere del tutto questa possibilità.  

Servono ulteriori dati specifici, specie sulla penetrazione nel derma dei diversi tipi di silice utilizzati per i prodotti cosmetici, soprattutto in presenza di ferite o abrasioni, nonché sulla tossicità sistemica potenziale della silice prima che questi prodotti possano essere considerati sicuri o meno. 

Inoltre, alcuni studi su un tipo di nanosilice diverso da quello utilizzato nei cosmetici hanno evidenziato potenziali effetti genotossici. Per cui servono ulteriori ricerche per escludere la possibilità che i tipi di nanosilice utilizzati per i cosmetici abbiano lo stesso effetto, se assorbiti dalle cellule.

La Commissione europea continuerà ad essere vigile per quanto riguarda la tutela della salute dei consumatori e a seguire ogni nuovo sviluppo nell'uso di ingredienti chimici o nanomateriali nei generi di consumo. Se dovessero emergere nuove prove, il CSSC provvederà a riesaminare la sicurezza della silice in nanoforma e a pubblicare un nuovo parere.

Per saperne di più