Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

UN GEL PROTEICO AUTOLOGO PER L’INCREMENTO DEL TESSUTO CONNETTIVO: CARATTERIZZAZIONE IN VITRO E VALUTAZIONE CLINICA

Logo Pubmedgelinfusion

 

AN AUTOLOGOUS PROTEIN GEL FOR SOFT TISSUE AUGMENTATION: IN VITRO CHARACTERIZATION AND CLINICAL EVALUATION

J Cosmet Dermatol. 2018 Sep 8

Elena Fedyakova, Ander Pino, Lidiya Kogan, Charusa Eganova, María Troya, Eduardo Anitua

Background

Il processo di invecchiamento interessa tutti gli organi del corpo, ma la pelle è l’indicatore più visibile e determina un forte impatto psicosociale. Di conseguenza, molte strategie di anti-aging cutaneo sono state sviluppate per minimizzare, posporre e persino invertire il processo di invecchiamento. I fattori di crescita sono stati ampiamente studiati nella guarigione delle lesioni cutanee e come questi polipeptidi giochino un ruolo essenziale nel complesso processo di rigenerazione tissutale. Recentemente, è stato descritto un nuovo gel 3D iniettabile di natura piastrinica e di tecnologia autologa, ricco del fattore di crescita.

Obiettivi

In questo studio, è stata condotta la comparazione tra acido ialuronico (HA, il gold standard per il ringiovanimento della pelle) e questa nuova formulazione autologa.

Metodi

Sono state determinate le caratteristiche reologiche e meccaniche. E’ stata valutata la capacità biologica in vitro di entrambi i trattamenti sulla proliferazione dei fibroblasti dermici umani, sulla migrazione, la chemiotassi e sulla sintesi della matrice cellulare. In aggiunta, è stata eseguita la valutazione clinica del trattamento con il gel piastrinico autologo tramite macrofotografie, analisi agli ultrasuoni ed indagini cliniche e sui pazienti.

Risultati

Il gel autologo ha manifestato prestazioni superiori rispetto alle proprietà generali biomeccaniche dell’HA mantenendo un comportamento di viscoelasticità gel-simile ottimale per l'aumento dei tessuti molli. Entrambe le formulazioni hanno stimolato la chemiotassi, la migrazione e la sintesi di collagene di tipo I cellulare. Il gel autologo induce una proliferazione cellulare statisticamente più elevata. Dopo il trattamento con la formulazione autologa, l'effetto di aumento del tessuto connettivo è stato notato anche insieme ad un miglioramento generale della qualità della pelle in termini di idratazione, elasticità, riduzione delle rughe ed una soddisfazione generaledei pazienti.

Conclusioni

Questa nuova formulazione autologa iniettabile manifesta buone proprietà meccaniche e bioattive per la rigenerazione tridimensionale del tessuto e potrebbe offrire un trattamento sicuro ed efficace per aree critiche della pelle.

Link dell’articolo originale:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/m/pubmed/30195260/?i=2&from=skin

Novembre 2018