Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

SELFIE- VIVENDO NELL’ERA DEI FILTRI FOTOGRAFICI

Logo JamaNetworkTSK telefono

 

SELFIES—LIVING IN THE ERA OF FILTERED PHOTOGRAPHS

Susruthi Rajanala; Mayra B. C. Maymone; Neelam A. Vashi

JAMA Facial Plast Surg. doi:10.1001/jamafacial.2018.0486

Viviamo nell’era dei selfie modificati e del’evoluzione continua degli standard di bellezza. L’avvento e la popolarità di social-media basati sull’immagine hanno posto nell’arsenale di tutti Photoshop e filtri. Con pochi colpi su Snapchat puoi inserire sul tuo selfie una corona di fiori o orecchie da cucciolo. Un piccolo ritocco su Facetune può levigare la tua pelle e rendere i tuoi denti più bianchi e gli occhi e le labbra più grandi. Una rapida condivisione su Instagram, ed arrivano molti like e commenti. Questi filtri ed editing sono diventati la norma, alterando la percezione di bellezza del mondo intero.

Con la diffusione delle tecnologie di foto-editing attraverso le applicazioni quali Snapchat  e Facetune, il livello di “perfezione” fisica precedentemente visto solo nelle celebrità o nei beauty magazine adesso è su tutti i social media. Così come queste immagini sono diventate la norma, così le percezioni della bellezza stanno cambiando in tutto il mondo, e questo può condizionare l'autostima di una persona scatenando il il disordine dismorfico del corpo “argomentano i ricercatori del Boston Medical Center (BMC) nel Viewpoint della rivista JAMA Facial Plastic Surgery.”

Il disordine dismorfico del corpo (Body Dysmorphic Disorder) è l’eccessiva preoccupazione per un difetto apparente e si manifesta in alcune persone capaci di arrivare ad  avere atteggiamenti estremi nei confronti di queste imperfezioni che vogliono a tutti i costi nascondere.  Questo può includere l’impegnarsi in comportamenti compulsivi come il disturbo da escoriazione ed il visitare dermatologi o chirurghi plastici sperando possano cambiare il loro aspetto. La patologia affligge circa il 2% della popolazione ed è classificata come un disturbo ossessivo-compulsivo. Gli autori del Viewpoint fanno riferimento a studi che mostrano come ragazze adolescenti solite a manipolare le loro foto sono più preoccupate del loro aspetto fisico e vanno in cerca dei social media come mezzo di riscontro. Un’ulteriore ricerca mostra che il 55% degli interventi di chirurgia plastica sono per pazienti che vogliono migliorare la loro apparenza nei selfie.

Articolo originale:

https://jamanetwork.com/journals/jamafacialplasticsurgery/article-abstract/2688763

Rivista commentatrice:

https://www.teknoscienze.com/a-new-reality-for-beauty-standards-how-selfies-and-filters-affect-body-image/

Ottobre 2018