Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

 

schoolofmedicine

Un nuovo schermo solare permette all’organismo di produrre Vitamina D

da “New Sunscreen Allows Body to Produce Vitamin D”

Boston University School of Medicine - 11 febbraio 2016

Per la prima volta alcuni ricercatori hanno sviluppato un processo di modificazione degli ingredienti presenti in un filtro solare che non inficia il suo Fattore di Protezione (SPF) e che consente all’organismo di produrre Vitamina D.

I risultati, recensiti e pubblicati nella rivista scientifica PLoS ONE (Public Library of Science), hanno condotto alla formulazione di un nuovo prodotto solare chiamato Solar D.

L’esposizione solare è la maggiore fonte di produzione di vitamina D per la maggior parte degli esseri umani (adulti e bambini). È noto che una carenza e/o insufficienza di vitamina D nell’organismo, può essere causa di molte patologie che affliggono circa il 40% dei bambini ed il 60% degli adulti. Tuttavia, a causa del rischio di insorgenza di tumori cutanei, l’uso degli schermi solari è andato aumentando considerevolmente. Ciò comporta che l’uso appropriato di un fattore di protezione SPF30, ad es., riduce la capacità della pelle di produrre vitamina D di quasi il 98%.

Secondo i ricercatori ci sono diverse formulazioni chimiche, tipicamente utilizzate in un prodotto solare, che risultano efficaci nell’assorbimento di varie lunghezze d’onda delle radiazioni UVB. Dopo aver rimosso certi ingredienti gli stessi scienziati hanno confrontato il Solar D, che ha un fattore di protezione 30, con un popolare prodotto solare in commercio avente il medesimo SPF, ed hanno rilevato che il Solar D ha consentito di produrre una quantità di vitamina D pari a quasi il 50% in più, rispetto alla quantità della stessa vitamina prodotta invitro.

“Solar D è stato progettato con formulazioni che includono differenti composizioni di filtrisolari per massimizzare la produzione di vitamina D, mantenendo al contempo la protezione e la facoltà di ridurre l’insorgenza di eritemi o scottature”, ha spiegato l’autore di questo studio, il Prof. Michael F. Holick, medico e docente di Medicina, Fisiologia e Biofisica presso la Boston University School of Medicine ed endocrinologo presso il Boston Medical Center.

Solar D è già disponibile in Australia e lo sarà anche negli USA a partire dall’estate 2016.

Per saperne di più:

http://www.bumc.bu.edu/busm/2016/02/01/new-sunscreen-allows-body-to-produce-vitamin-d/