Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

COMUNICAZIONE NELLA CATENA DI APPROVVIGIONAMENTO - REACH COME GUIDA REGOLATORIA

Tekno scienze REACH

 

COMMUNICATION IN THE SUPPLY CHAIN – REACH AS THE REGULATORY DRIVING FORCE

H&PC Today - Household and Personal Care Today - vol. 13(6) pp 74-76 November/December 2018

Peter E. T. Douben

Abstract

In base al REACH, una parte importante della legislazione EU sulle sostanze chimiche, le sostanze dovranno essere registrate in tutta la catena di approvvigionamento a meno che non si applichino deroghe. Due aspetti diversi traggono vantaggio da una comunicazione efficace nella catena di approvvigionamento.

Leggi tutto...

INTEGRAZIONE ORALE DEL COLLAGENE: UNA REVISIONE SISTEMATICA DELLE APPLICAZIONI DERMATOLOGICHE

Logo JDD face

 

ORAL COLLAGEN SUPPLEMENTATION: A SYSTEMATIC REVIEW OF DERMATOLOGICAL APPLICATIONS

J Drugs Dermatol. 2019;18(1):9-16.

Franchesca D. Choi, Calvin T. Sung, Margit L.W. Juhasz, Natasha Atanaskova Mesinkovska 

Abstract

IMPORTANZA: l'uso di prodotti nutraceutici come il collagene per la cura della pelle è in aumento, ma sono carenti le normative sulla qualità, l'assorbimento e l'efficacia. Per colmare questa lacuna di conoscenze, si stanno completando gli studi clinici relativi ai potenziali effetti sulla pelle degli integratori alimentari a base di collagene.

OBIETTIVO: rivedere la letteratura e valutare gli studi controllati randomizzati disponibili che impiegano la supplementazione di collagene per l'efficacia del trattamento per quanto riguarda la qualità della pelle, i benefici anti-invecchiamento e la potenziale applicazione in dermatologia medica.

RASSEGNA DELLE PROVE: è stata condotta una ricerca bibliografica con PubMed utilizzando i criteri di ricerca (collagene) E (integratore o alimento o nutrizione). Non è stato fissato alcun limite inferiore per l'anno di pubblicazione. I criteri di inclusione erano: studi randomizzati, controllati con placebo, che utilizzavano la supplementazione di collagene in soggetti umani legati alla dermatologia e scritti in inglese.

Leggi tutto...

L'EVOLUZIONE DEL ROSSETTO

Tekno scienze Lipstick

 

THE EVOLUTION OF LIPSTICK

H&PC Today - Household and Personal Care Today - vol. 13(6) pp 62-65 November/December 2018

Mariam Abou-Dahech, Gabriella Baki

Abstract

Oggi, il rossetto è parte della cultura e della moda; la pratica di colorare le labbra risale alla preistoria. Il rossetto è stato usato per migliaia di anni, con diverse applicazioni contestuali e simboliche. Le prime formule consistevano in ingredienti trovati in natura, come gemme, insetti schiacciati e oli vegetali e burri, insieme ad ingredienti che avevano effetti negativi sulla salute.

Leggi tutto...

LIVELLI SIERICI DI BIOTINA E ZINCO NELL'ALOPECIA ANDROGENETICA MASCHILE

logo jcd alopecha

 

SERUM BIOTIN AND ZINC IN MALE ANDROGENETIC ALOPECIA

J Cosmet Dermatol. 2019 Feb 3 (Epub ahead of print)

Fatma Mohamed El Esawy, Mohamed Saber Hussei, Amira Ibrahim Mansour

Background

L'alopecia androgenetica maschile (MAGA) è causata dalla conversione dei capelli terminali in capelli vellus. Lo zinco è uno degli oligoelementi più studiati nei disturbi dei capelli e la biotina è uno degli integratori più prescritti per il suo trattamento.

Obiettivi

Lo studio mirava a valutare i livelli sierici di zinco e di biotina nei pazienti con MAGA per rispondere alla domanda se esiste un valore che consente di aggiungere zinco o biotina come integratori per il trattamento della patologia.

Leggi tutto...

CELLE DI FRANZ PER LA DIFFUSIONE, REALIZZATE CON STAMPANTE 3D

international journal logo 3D

 

3D‐PRINTED FRANZ TYPE DIFFUSION CELLS

Int J Cosmet Sci 2018 Nov

Bruno C. Sil, Miguel P. Alvarez, Yanling Zhang, Chin-Ping Kung, Monjur Hossain, Fotis Iliopoulos, Lin Luo, Jonathan M. Crowther, David J. Moore, Jonathan Hadgraft, Stephen T. Hilton

 

Abstract

Obiettivo

Le celle di Franz sono comunemente usate per misurare la permeazione cutanea in vitro di attivi e inerti in studio. Scopo dello studio è stato di sviluppare e produrre celle diffusive di tipo Franz trasparenti impiegando la stampa 3D e testarle utilizzando una gamma di composti a modello attivo. Lo studio ha avuto anche lo scopo di identificare i parametri critici della stampa 3D, necessari per il processo, tra cui la progettazione dell’oggetto, la scelta della resina di stampa, il trattamento delle stampe, le impostazioni post-indurimento e l'introduzione dei modelli di rivestimento.

Leggi tutto...

DEODORANTI PER UNA CURA PERSONALIZZATA DEL CORPO

Tekno scienze rollon

 

DEODORANTS FOR A PERSONALISED BODY CARE

V. Abbondandolo, S. Scolari, F. Agetta, V. Nardo, V. Poletti, C. Chiaratti

Abstract

L'odore ascellare nell’uomo viene comunemente attribuito ai precursori della degradazione batterica nelle secrezioni del sudore. Età, sesso, fattori genetici, fattori ambientali, igiene ed uso di cosmetici possono contribuire alle variazioni dell’odore corporeo influenzando la quantità e la qualità delle secrezioni o dei tipi di batteri presenti sulla pelle.

Un approccio basato sulle colture, utilizzato per isolare i batteri generanti gli odori, ha identificato le specie Corynebacteria e Staphylococcus. Il Corynebacteria è correlato alla formazione di acidi maleodoranti: i volontari con una flora ascellare dominata da specie corinebatteriche sono pertanto caratterizzati da un odore ascellare più intenso.

Leggi tutto...

NUOVA VITA PER I PRODOTTI DI DERIVATI MARINI, AGRICOLI E FORESTALI - IDROGELI PER LA CURA PERSONALE CON CARATTERISTICHE FUNZIONALI

Tekno scienze mix

 

NEW LIFE FOR MARINE, AGRICULTURAL AND FORESTRY BY-PRODUCTS – PERSONAL CARE HYDROGELS WITH FUNCTIONAL FEATURES

María Dolores Torres, Patrícia Fradinho, Herminia Domínguez

 

Abstract

Questa breve recensione, che riporta articoli scientifici pubblicati sul tema dal 2014 fino ad oggi, si occupa dell’uso di sottoprodotti provenienti da risorse marine, agricole e forestali per lo sviluppo di nuovi idrogeli con caratteristiche funzionali per applicazioni personal care, con conseguente valore aggiunto. È stata anche fornita una panoramica degli idrogeli basati su matrici naturali destinati ad altre applicazioni.

Leggi tutto...

L'ASIMMETRIA FACCIALE AUMENTA CON L'ETÀ

Tekno scienze asimmetria

 

FACIAL ASYMMETRY INCREASES WITH AGE

TSK – H&PC TODAY

 

Abstract

L'asimmetria tra i due lati del viso aumenta costantemente con l'invecchiamento - una scoperta con importanti implicazioni per il ringiovanimento facciale e le procedure ricostruttive, riporta uno studio nel numero di novembre di Plastic and Reconstructive Surgery®, la rivista medica ufficiale della American Society of Plastic Surgeons (ASPS).

Le tecniche tridimensionali di imaging digitale mostrano un sottile ma significativo aumento correlato all'invecchiamento nell'asimmetria facciale, specialmente nei due terzi inferiori del viso, secondo la nuova ricerca dell'ASPS Surgeon, Helena O.B. Taylor (MD, PhD, del Mount Auburn Hospital, Cambridge, Massachusetts et al.) afferma che “la correlazione osservata tra l'aumento dell'asimmetria facciale e l'età può essere utile come guida nella chirurgia plastica per fornire caratteristiche per età”.

Leggi tutto...

SISTEMI DI VEICOLAZIONE PER PRODOTTI COSMETICI

Tekno scienze skincare 3541261 960 720

 

DELIVERY SYSTEMS FOR COSMETIC PRODUCTS

PERRY ROMANOWSKI

Element 44 Inc, Chicago, USA

I formulatori dispongono di un buon numero di sistemi veicolanti per l’inserimento dei funzionali e per controllarne il tasso e la durata della cessione.Tali sistemi includono sistemi tradizionali come soluzioni ed emulsioni, ma includono anche sistemi di rilascio vescicolare, molecolare e di particolato.

Soluzioni

Questi sono il tipo più semplice di sistema di veicolazione cosmetica e sono utilizzati per una vasta gamma di prodotti come shampoo, detergenti per il corpo, detergenti per le mani, colonie e altro ancora. Sono miscele omogenee di ingredienti per lo più compatibili. Gli ingredienti funzionali veicolati sono tipicamente tensioattivi per la pulizia o le fragranze.

Leggi tutto...

PLASTIFICANTI FTALATI E ORGANOFOSFATI NELLO SMALTO: VALUTAZIONE DI ETICHETTE E INGREDIENTI

nailnfree

logo environmental

 

PHTHALATE AND ORGANOPHOSPHATE PLASTICIZERS IN NAIL POLISH: EVALUATION OF LABELS AND INGREDIENTS

Environ. Sci. Technol. 2018, 52

Anna S. Young, Joseph G. Allen, Un-Jung Kim, Stephanie Seller, Thomas F. Webster, Kurunthachalam Kannan, and Diana M. Ceballos

Abstract

Negli anni 2000, i produttori di smalti per unghie hanno iniziato a promuovere prodotti "3-Free", eliminando gradualmente tre sostanze tossiche ampiamente pubblicizzate: toluene, formaldeide e dibutilftalato (DnBP). Tuttavia, il DnBP è stato a volte sostituito da un altro plastificante “endocrine-disrupting”, il trifenilfosfato (TPHP).Da allora sono apparse molte nuove etichette "n-Free", senza standardizzazione o normativa che prevedesse l’esclusione da un formulato di n sostanze chimiche.

Questo studio mirava a confrontare il contenuto di plastificante valutando le etichette di smalti per unghie. Per prima cosa, sono state verificate etichette dei prodotti oggetto dello studio. Quindi, sono stati misurati 12 ftalati e 10 plastificanti organofosfati in 40 smalti per unghie di 12 brand selezionati per popolarità e diversità di etichetta.

Leggi tutto...