Joomla Free Templates by BlueHost Coupon

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti al fine di migliorare il servizio offerto.

Per ulteriori informazioni consulta la nostre note legali Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono
I cookie sono piccoli file di testo memorizzati nel computer o nel dispositivo mobile dell'utente quando visita il nostro sito web.

A cosa servono
I cookie sono da noi utilizzati per assicurare all´utente la migliore esperienza nel nostro sito.
Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi promozionali personalizzati.

Tipologie di cookie
I cookie sono categorizzati come segue.

  • Cookie di sessione. Cookie automaticamente cancellati quando l´utente chiude il browser.
  • Cookie persistenti. Cookie che restano memorizzati nel dispositivo dell´utente sino al raggiungimento di una determinata data di terminazione (in termini di minuti, giorni o anni dalla creazione/aggiornamento del cookie).
  • Cookie di terze parti. Cookie memorizzati per conto di soggetti terzi.

E possibile controllare ed eliminare i singoli cookie utilizzando le impostazioni della maggior parte dei browser. Ciò, tuttavia, potrebbe impedire di utilizzare correttamente alcune funzioni del nostro sito web.

Per saperne di più è possibile fare riferimento a www.aboutcookies.org o www.allaboutcookies.org.

Per modificare le impostazioni segui le istruzioni su Turn Privacy Guidelines

Rossetto 're' del make up: +10% vendite ma occhio a tarocchi

Chi sale e chi scende nei 'beauty case' delle italiane? Sono i prodotti per le labbra a non mancare mai, mentre quelli per le unghie subiscono un calo. Secondo gli ultimi dati di Cosmetica Italia (Associazione nazionale imprese cosmetiche), partner di Cosmofarma Exhibition 2016 in corso a Bologna, nel 2015 gli andamenti più significativi in termine di crescita nelle vendite sono stati registrati dalle matite per le labbra (+14,2%), dai rossetti e lucidalabbra (+10,8%), e dai solari e prodotti pigmentanti (+9,4%). Cresce dell'6,8% anche il mascara.

Il dermatologo Leonardo Celleno, presidente dell'Aideco (Associazione italiana dermatologia e cosmetologia) però avverte: "Non compriamo prodotti non italiani o senza marchio CE - dice all'Adnkronos Salute - magari sulle bancarelle o in negozi non indicati. Questo espone a rischi concreti per la salute, che nel caso dei rossetti sono ancora maggiori: sono prodotti da applicare sulla bocca, dove una possibile contaminazione batterica può dare fenomeni anche gravi. Ed esiste anche il pericolo di ingestione di metalli pesanti, che nei prodotti contraffatti non è rara".

Secondo l'esperto occorre spendere il giusto: "Compriamo un buon prodotto, scartando di certo quelli da '1 euro'. La filiera del cosmetico è lunga e costosa e pensiamo che oggi il rossetto non serve solo a dare colore e vivacità al make up, ma deve anche proteggere le labbra, idratarle, migliorarne la fisiologia cutanea. Non basta 'verniciarle di rosso' e se pensiamo che le donne sono molto meno esposte degli uomini a una forma di cancro della pelle chiamato epitelioma spinocellulare, dobbiamo ricordare che il merito è tutto del rossetto".

Tornando ai dati di mercato del make up, una negatività si registra per gli smalti (-7%), anche se per questi prodotti è da segnalare la contrazione dei prezzi per quantità acquistate. Calano del 3% anche le creme idratanti -3%. Nel 2015 i prodotti per il trucco registrano comunque un andamento generale positivo, decisamente più sostenuto rispetto alle performance degli ultimi 3 anni, grazie soprattutto alla distribuzione monomarca e ai corner, segnala Cosmetica Italia. Bene il trucco occhi (+7,3%), il trucco viso, +3,6%, e i cofanetti trucco, +1,1%, mentre sono stabili i prodotti per le mani, ottima la ripresa del trucco per le labbra (in media +9,8%). E anche se la grande distribuzione specializzata occupa una posizione importante, emerge con forza la nuova realtà delle farmacie.

Fonte: ADN Kronos